Non un blog vero e proprio ma quello che scriverei sul mio taccuino.
Libri, film, serie tv e qualche grande giocata.

pallone-basket-holden

Scrivere con un pallone da basket

Il palleggio come il battito del cuore. Il pallone diviso da meridiani e paralleli, le sue sembianze così planetarie. Il desiderio di arrivare lassù e di restarci il più possibile, sospeso a mezz’aria, finché il suolo non ti reclama. “Il basket”, ha detto Bill Russell, ex pivot dei Boston Celtics, “è uno sport che tende al cielo”.

continua
poddicast-animated-radio-image-0083

PoddiCast: Caterpillar

Mercoledì 22 marzo, Flavio Tranquillo è stato ospite di Caterpillar: ha parlato di basket, di epica e, anche, di Le Vittorie Imperfette.

continua
bruce-springsteen-emiliano-poddi

PORTRAITS#3 Growin’up

La prima volta che l’ho vista… e chi se la dimentica. Giapponese, corpo sinuoso, curve nei punti giusti, sensuale, provocante, bellissima e irraggiungibile. Passavo le ore a fissarla. Avevo quindici anni e non c’era niente al mondo che desiderassi di più.

continua
balcani-emiliano-poddi

Dai Balcani a Ivrea in un solo canestro

Sarajevo, Tuzla, Mostar, Dubrovnik. Facile che nello scorrere questi nomi vengano in mente città assediate, ponti distrutti, biblioteche in fiamme, nidi di cecchini, fosse comuni.
A me viene in mente un ragazzino.

continua
summer-interior-poddi-hopper-vittorie-imperfette

Summer Interior

Entrarono in una saletta laterale dov’era esposto un quadro dal titolo Summer interior, il ritratto di una donna seduta ai piedi di un letto in disordine, con indosso solo una blusa senza maniche. Il suo sesso era sfacciatamente in vista, ma non fu questo a colpire Kevin.

continua
ounaku-repubblica-emiliano-poddi-nonna-basket

Onuaku e il tiro della nonna

D’altronde si chiamano tiri liberi. Insomma, già il loro nome ti spinge a fregartene di tutto e a cercare la tua strada. Questo deve aver pensato Chinanu Onuaku la prima volta.

continua
cerimonia-olimpica-giochi-olimpici-vittorie-imperfette-emiliano-poddi

La cerimonia di Londra 2012

I greci erano passati per primi in quanto inventori dei Giochi, mentre i britannici, che li avevano organizzati, avrebbero percorso la pista di atletica per ultimi. Tutti gli altri si avvicendavano nelle inquadrature secondo l’ordine alfabetico. Bahrein, Barbuda, Belgio, Belize, Benin. Alcuni paesi sembravano inventati, oppure fondati in fretta e furia prima delle Olimpiadi.

continua
the-dark-side-of-the-man-accademia-folli-emiliano-poddi

The dark side of the man

Dr Jekyll e Mr Hyde. Dracula e Miss Mina. Riccardo III e Lady Anna. Il dottor Frankenstein e la sua creatura. I mostri sono dentro di noi, oppure ci vampirizzano, o ci seducono, o siamo noi a crearli ma poi ci si rivoltano contro.

continua
picasass-accademia-folli-teatro-emiliano-poddi

Picasàss

Tutto comincia dal suono di un corno che rimbomba nella cava. Poi si sente il boato di un’esplosione, il fragore del monte che si sgretola e infine i colpi degli scalpellini – sdeng, sdeng – che sbozzano la roccia con i rintocchi dei loro attrezzi acuminati…

continua
i-guardiani-marco-ballestracci

I guardiani

Jan Tomaszewski, che difendeva i pali della Polonia ai mondiali del ’74, quando si tuffava aveva “uno stile poco ortodosso che lo faceva apparire un quarto di bue in volo”, oppure “un grosso pesce sgraziato balzato fuori dall’acqua per raggiungere un insetto”.

continua
io-sono-partigiana-emiliano-poddi-accademia-folli-teatro

Io sono partigiana!

Camilla e Alessandra Pallavicino, figlie di un marchese di Ceva, se l’erano sentito ripetere molte volte. Primo dovere della donna fascista è obbedire. Secondo: badare alla casa. Terzo: mettere al mondo figli. Quarto: stare in silenzio. Quinto: portare le corna.

continua
Elisabeth-Vigée-Le-Brun-Folli-Accademia

I colori del tempo, uno spettacolo

In Arca russa, lo strabiliante film di Sokurov girato in un unico piano sequenza, Caterina II attraversa un cortile pieno di neve. La vediamo di spalle camminare a passo sostenuto, poi accelerare, infine quasi correre. Ma stavolta Caterina non andrà troppo di fretta.

continua
stephen-curry

Steph Curry, il campione senza logica

Howie Chizek, radiocronista sportivo, una volta ha detto: “Larry Bird lancia la palla in aria, dopodiché ci pensa Dio a spostare il canestro sotto per farla entrare”. Lo stesso Bird, dopo aver visto Jordan segnare 63 punti contro i suoi Celtics, ha dichiarato: “Quello non era Michael Jordan. Era Dio vestito da Michael Jordan”. Quando è stato eletto mvp dell’NBA, Steph Curry si è stretto nelle spalle e ha commentato: “Sono un umile servo di Dio”.

continua
land-of-mine

Land of mine

Dopo ogni guerra, scrive la Szymborska, c’è chi deve ripulire. Nella Danimarca del maggio 1945, a ripulire, una volta tanto, sono quelli che hanno sporcato. C’è un’intera costa infestata di mine antiuomo e anticarro, e ora la bonifica spetta a chi quelle mine le ha sotterrate nella sabbia. Giusto. Più che giusto.

continua
catersport

C’è solo un capitano

Anatomia di un istante di Torino 2006 (quando si dice “un attimo congelato per sempre”). È anche una specie di spin-off del racconto di ieri sul curling. Soprattutto, è un piccolo omaggio a un maestro e a un amico.

continua
curling

Camerun & Curling

C’era una volta Torino 2006. C’era uno sport che faceva impazzire tutti. E c’era una squadra che si ispirava alla nazionale giamaicana di bob. Io facevo lo stagista a Catersport, Radio 2 Rai. La storia che segue magari non è vera al cento percento. Ma in fondo l’ho detto all’inizio: Torino 2006 è una favola.

continua
il-figlio-di-saul-laszlo-facebook

Il figlio di Saul

Uno schermo, per quanto panoramico, non sarà mai abbastanza grande per comprendere la Shoa. Perciò László Nemes, regista de Il figlio di Saul, lo schermo ha deciso di ridurlo all’essenziale, ai 4:3 del vecchio formato televisivo. D’altronde è così che il suo protagonista guarda il mondo. È concentrato su ciò che deve fare, non c’è spazio per nient’altro.

continua
feltrinelli-libreria-vittorie-imperfette

Quizás, quizás, quizás…

Al centro di Torino c’è un musicista di strada più o meno a ogni incrocio. Ieri sera, tra via Lagrange e via Cavour, un fisarmonicista suonava My Heart Will Go On, la canzone di Titanic. Come interpretare questo segno se è appena uscito il tuo libro? Un buon auspicio perché il film è stato un successo o un cattivo presagio perché il transatlantico è colato a picco?

continua
le-vittorie-imperfette-reaction

Basketball Facebook Reaction

Oggi Facebook ha deciso che il pollicione alzato non gli bastava più e ha introdotto le cosiddette “reazioni”.
E niente, visto che domani Le Vittorie Imperfette farà il suo debutto, con i ragazzi di dieci04 abbiamo pensato che Facebook avrà bisogno di un tasto apposito per esprimere le sue emozioni. Facebook Basketball Reaction?

continua
basket-room-sky

Basket Room: highlights

Lunedì 8 febbraio 2016, Le Vittorie Imperfette ha affrontato la sua prima uscita pubblica. Un inizio su un campo prestigioso come quello di Basket Room, di Flavio Tranquillo e Alessandro Mamoli: il primo talk show di Sky Sport sulla palla a spicchi. Ospite della serata Francesco Piccolo, che ha raccontato i suoi film e i suoi libri di riferimento quando si parla di basket.

continua

"A me interessano gli sportivi sconfitti", disse Kevin, "mi parli di loro".

Le Vittorie Imperfette
fargo-fb

Il lupo di Fargo (s01)

Ho una collezione che sta diventando cospicua: scene di film in cui qualcuno si imbatte in un animale.
Helen Mirren vede un cervo imperiale in The Queen. Tom Cruise e Jamie Foxx vedono un coyote in Collateral. George Clooney vede tre cavalli in Michael Clayton.

continua

Gallinari e il Rinascimento

Guardate Langstone Galloway, l’avversario di Gallinari. C’è un momento in cui smette di inseguirlo. Secondo lui non è necessario marcarlo, da quella posizione è innocuo.

continua